Come proteggere la pelle sulla neve

consigli-inverno-hotel-mesnerwirtIl problema in montagna

In montagna non c’è sicuramente il problema dello smog e dell’inquinamento, ma rimane comunque quello del sole e delle basse temperature. Più si sale di quota, maggiore è l’incidenza dei raggi del sole che danneggiano la pelle: sia ultravioletti, uva uvb, che infrarossi. Ma i problemi non finiscono qui: L’azione riflettente della neve, che fa da specchio, aumenta la dannosità dei raggi solari. In più le basse temperature, oltre a disidratare la pelle, non fanno sentire il calore sulla pelle, e questo fa in modo che ci si dimentichi di applicare la protezione solare, rischiando scottature.

La soluzione

In questo caso,  l’utilizzo combinato di ingredienti anti-ossidanti con la crema solare, sono un’ottima soluzione non solo contro le scottature, ma anche contro il fotoinvecchiamento. Gli ingredienti anti-ossidanti nelle creme da montagna rimangono gli stessi validi per la città. Meglio, poi,  se si utilizza una formula arricchita con acido ialuronico e burri vegetali, che idrati e nutra la pelle, da applicare generosamente più volte al giorno

La nostra crema antigae allo Zafferano è a base di Acido Ialuronico a basso peso molecolare al altissima concentrazione ( idrata più in profondità)  ma la grande novità viene dato dal DNA Protection che fa da schermo dotate nel confronti degli uvb bloccando le cause dell ‘invecchiamento e il sopraggiungere delle macchie brune. Quindi abbronzati e sicuri sotto la neve e buona sciata a tutti

By | 2016-12-18T08:49:30+00:00 dicembre 18th, 2016|news|0 Comments

Leave A Comment